V°73: tra artigianalità e nuovo lusso

Le borse della designer Elisabetta Armellin diventate celebri nel 2012 per la stampa ad effetto trompe l’oeil che simula la pelle di una Birkin, si sono evolute nel corso degli anni.  La nuova campagna Inseguendo un sogno punta tutto sulla valorizzazione dell’artigianalità tramite un sapiente uso dello storytelling. Le V°73 sono entrate di diritto nella categoria it-bag grazie ad alcuni ingredienti, semplici ma d’effetto perché combinati insieme, come il canvas, i charms e una stampa che riproduce in vari colori il modello più famoso della maison francese Hermès. Inoltre dato che il materiale utilizzato è la tela, all’interno di ogni borsa è stata inserita una pratica sacca anti-pioggia.

v73 gamma colori

Il logo, graficamente molto semplice, nasconde un significato: la V sta per Venezia e 73 è il numero che Elisabetta Armellin incontrava sempre durante le passeggiate veneziane oltre a essere anche il suo anno di nascita.

logo v73

Col passare delle stagioni l’offerta si è ampliata, infatti per l’autunno-inverno 2012 il tema è stato il viaggio. Le bandiere dell’Italia, degli Usa, della Gran Bretagna e del Giappone hanno occupato la parte frontale della borse, con l’aggiunta di due nuovi motivi per la stampa pelle: lo struzzo e il rettile.

flags_v73Inoltre la gamma dei prodotti marchiati V°73 si è ampliata con portafoglio, pochette, ballerine.  Oggi la protagonista è: una limited edition della borsa Classic in canvas color brown, impreziosita da una serigrafia realizzata a mano, che celebra Venezia. Turchese e rosa sono i colori scelti per la stampa all over ispirata agli archi ogivali traforati della loggia di Palazzo Ducale. La borsa è arricchita da preziosi charms: il corno rosso che caratterizza tutte le borse Classic e un charm in metallo dorato che ritrae i trafori della loggia di Palazzo Ducale, realizzato appositamente per questa borsa.

#inseguendounsogno – Un video emozionale per raccontare un sogno, diventato realtà. È il racconto di una grandissima passione per il disegno, per il colore, le forme e le linee che Elisabetta Armellin ha fin da bambina e che attraverso costanza, intuito e determinazione ha portato alla creazione delle borse V°73.

Il video, con la regia di William Carrer (regista di Venezia Impossibile, presentato all’ultimo Festival del cinema di Venezia) e la direzione artistica di Francesca Anzalone, è incentrato sulle abilità artistiche della creatrice, diplomata all’Accademia di Belle arti, e anche sul valore delle creazioni artigiane. È sottolineata l’importanza del sogno come desiderio di realizzare le proprie passioni. Oggi la rivoluzione dei ‪makers‬ rappresenta la strada maestra per l’‎innovazione‬ nella manifattura italiana. E l’incontro tra artigianato e digitale è fondamentale, rappresenta il punto di svolta. Stiamo assistendo ad un cambio di paradigma nella nostra cultura imprenditoriale. Gli input sono tanti, la voglia di fare c’è e anche le capacità, sia artigianali che imprenditoriali, abbondano. Ad maiora…

Share!

Leave a Reply