Lutto nel mondo della moda, è scomparso Renzo Rossetti

 

Renzo Rossetti, il fondatore della Fratelli Rossetti nel 1953 è mancato ieri notte nella sua casa di Legnano all’età di 84 anni.


Negli anni ’70 fu il primo fra tutti gli italiani ad aprire una propria boutique lungo la Madison Avenue di New York. Oggi la Fratelli Rossetti conta 27 flagship stores.
Così lo descrive Natalia Aspesi nella biografia ‘La fortuna di nascere poveri’:
“Storie come quelle di Renzo Rossetti non ne esistono più. La sua come quella di altri grandi italiani dell’impresa e della cultura, appartiene a un’Italia povera, silenziosa, proba, geniale che il tempo con i suoi mutamenti sociali, economici e politici ha cancellato ed è una storia che ho conosciuto solo poco tempo fa, quando il mitico industriale Rossetti mi ha dato timidamente da leggere qualche appunto sulla sua vita.”.

La famiglia ha deciso di annullare l’evento in occasione del Fuori Salone presso la Boutique di Montenapoleone.

— Post From My iPhone

Lutto nel mondo della moda, è morto Alexander McQueen

Fashion designer di fama mondiale, nasce a Londra nel 1969, lascia la scuola a 16 anni e dopo una piccola parentesi come apprendista presso i costumisti teatrali Angels and Bermans, a 20 anni si trasferisce a Milano dove lavora per Romeo Gigli. Fa ritorno a Londra per diplomarsi alla Saint Martin’s School of Art. Nel 1996 diventa direttore creativo di Givenchy, ruolo che lascia 5 anni dopo dichiarando che sentiva repressa la sua creatività.
Mente geniale, controversa, si fa conoscere per le sue sfilate trasgressive e audaci che gli sono valse il ‘titolo’: the hooligan of English Fashion.
Nel 1999 viene accolta con un’ovazione la sua sfilata spring/summer in cui due robot dipingono il vestito indossato dalla modella, una dichiarazione forte, come a voler dire: moda e arte parlano la stessa lingua. Una sfilata che è: moda, arte e performing art.

Alla stessa sfilata partecipa la modella, attrice e atleta statunitense Aimee Mullins, che ha subito l’amputazione di entrambe le gambe all’età di 1 anno.

Nel 2001 lavora per Gucci, collabora con Puma nel 2003 creando un’intera linea sportiva.
Nel 2009, destano scalpore le Armadillo Shoes dal tacco alto 30 cm, presentate all’ultima collezione spring/summer 2010, indossate da Lady Gaga nel suo video Bad Romance. Non solo scarpe, un’opera d’arte, una scultura.

Coco Chanel ha detto: “La moda riflette sempre i tempi in cui vive, anche se, quando i tempi sono banali, preferiamo dimenticarlo”. Di sicuro non sono stati tempi banali quelli in cui ha creato Alexander McQueen.